ALIMENTARE: ITALIA LEADER UE PER PRODOTTI DOP E IGP

luglio 10, 2013 di WEBMASTER - Nessun commento

Roma, 9 Gennaio 2010 – Non è solo una questione di prestigio: sigle come Dop o Igp sono anche una garanzia per i consumatori. Assicurano la provenienza. Certificano la qualità. Consentono di confrontare i prezzi su basi meno sdrucciolevoli di quanto avviene quando i prodotti si presentano allineati sugli scaffali senza “segni particolari”, all´apparenza tutti uguali. Ecco perché è una buona notizia quella che arriva da Bruxelles: la “Patata di Bologna”, dopo i Ricciarelli di Siena, conquista una nuova Denominazione d´origine protetta (Dop) all´Italia, contro le imitazioni e i falsi che girano in Europa. Bruxelles infatti, darà nei prossimi giorni ( si pensa a fine marzo) il via libera definitivo all´iscrizione nel Registro europeo delle Denominazioni d´origine e indicazioni geografiche protette (Dop e Igp) ad un alimento legato da sempre al territorio bolognese. Secondo il rigido disciplinare autorizzato dall´Ue, la produzione della “Patata di Bologna” Dop, ottenuta dalla varietà Primura, deve avvenire interamente – dalla coltivazione al confezione – nell´ambito della provincia di Bologna, applicando le conoscenze e le pratiche messe a punto in anni di ricerca, sperimentazione ed esperienza dai produttori locali.